Dal suo arrivo in Italia, avvenuto lo scorso Maggio, l’operatore telefonico francese Iliad ha già fatto molto parlare di sé, da un lato per le tariffe particolarmente vantaggiose offerte alla clientela, dall’altro per alcune criticità tecniche per ciò che riguarda la copertura del segnale in 4G.

D’altronde, è anche necessario riflettere su un punto: la società è appena approdata in Italia, sta investendo per aumentare la presenza di antenne sul territorio nazionale, va da se – quindi – che nella fase iniziale si creino problematiche, legate all’organizzazione della rete su tutto il territorio.

In ogni caso, cerchiamo di capire cosa sta accadendo e se ci sono novità in relazione alle problematiche legate alla connessione dati in 4G di Iliad.

assistenza clienti iliad

Iliad in 4G: problemi diffusi

Iniziamo col dire che, ultimamente, sono molte le segnalazioni di disservizio che giungono da varie regioni d’Italia relativamente alla connessione in 4G.

Praticamente, molti clienti passati a Iliad, lamentano di non riuscire a telefonare e  a navigare con la connessione a 4G, e che la stessa non passa automaticamente nella modalità a 3G, come normalmente accade con gli altri operatori telefonici.

Almeno fino a che questa problematica non sarà risolta all’origine dall’azienda, il consiglio per tutti è quello di modificare manualmente la connessione passando dalla modalità 4G a quella 3G.

Sembra, infatti, che adottando questa soluzioni si riesca a poter utilizzare il servizio.

Cerchiamo ora di comprendere meglio da cosa dipende questa problematica, entrando in qualche dettaglio tecnico. Ad esempio: sai cos’è il run sharing? Lo scoprirai leggendo di seguito…

Ran sharing: cos’è e come funziona

Per capire meglio da cosa dipenda questo problema, è necessario entrare in alcuni dettagli tecnici. Iliad, come è noto a molti, è riuscito ad aprire al mercato italiano grazie alla fusione tra Wind e H3G. Per poter fornire i servizi di telefonia e navigazione al web, sfrutta quindi la rete Wind, attraverso quello che in gergo tecnico viene definito ran sharing.

Questo tipo di tecnologia, permette quindi a Iliad di poter condividere tutte le infrastrutture atte a garantire la copertura del segnale.

E’, sinteticamente parlando, un sistema di roaming nazionale ma con alcune peculiarità positive in più: essendo un sistema di condivisione delle risorse di rete, se accadono problemi sulla rete proprietaria, in questo caso quella acquisita da Iliad, ecco che entra in gioco la condivisione delle tecnologie di Wind, in maniera da poter utilizzare – in contemporanea – le stesse frequenze, ottimizzando non solo il servizio ma anche l’impatto sul territorio (meno antenne dislocate) e anche ottenendo un notevole risparmio economico.

Al di là della spiegazione tecnica, però, ancora non sono chiare le motivazioni per cui – pur trovandoci in presenza di una copertura garantita anche dalla tecnologia ran sharing, in molte regioni d’Italia si continui a non poter utilizzare il servizio in 4G.

Per ora, Iliad non ha rilasciato dichiarazioni utili a comprendere meglio la situazione in corso. Ma arrivano anche segnalazioni di miglioramento da parte di molti clienti Iliad.

Auguriamoci quindi di poter, a breve, confermare che la rete Iliad lavora a pieno regime.

Conclusioni

Iliad ha probabilmente necessità di un poco di tempo in più per stabilizzare la propria rete e dare un servizio efficiente alla propria clientela. Sei uno dei tanti che hanno deciso di passare a Iliad e stai riscontrando problemi? Vuoi raccontare la tua esperienza ai nostri lettori?

Scrivici, utilizzando il modulo Storie di consumatori. Riceviamo molti racconti, e pubblichiamo sempre quelli che riteniamo di interesse generale.