Bollo auto: la guida completa e le novità del 2021

Tra le imposte meno amate dai contribuenti italiani, si può sicuramente annoverare il bollo auto.

Quest’imposta grava sul bilancio familiare alla voce spese di gestione relative al possesso degli autoveicoli.

Come tutti gli oneri fiscali è bene ricordare di versarla nei tempi stabiliti dalla legge, perché diversamente si va incontro a un aumento della somma dovuta a causa degli interessi di mora, e il rischio è anche quello di ricevere una cartella esattoriale.

In questo approfondimento analizziamo tutto ciò che è relativo al bollo auto: che cos’è, quando si deve pagare e con quale modalità, come verificare lo stato dei pagamenti, chi ha diritto all’esenzione, come funziona il condono approvato nel DL Sostegni, e infine, le proroghe che sono state confermate dopo l’avvento dell’emergenza sanitaria.

Cos’è il bollo auto

Il bollo auto è un’imposta sul possesso degli autoveicoli iscritti presso il Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e deve essere obbligatoriamente versata annualmente, a prescindere dall’utilizzo del mezzo.

Significa che, anche se l’autovettura è tenuta ferma l’imposta va comunque pagata. Essendo un tributo locale il versamento della somma confluisce nelle casse della regione di residenza.

Come si calcola l’importo del bollo auto

L’importo del bollo auto si calcola in base ad alcuni parametri che sono sia relativi all’automobile sia al coefficiente stabilito dalla regione di residenza. Per il calcolo dell’importo vanno tenuti in considerazione:

  • La potenza in kW del veicolo
  • Il superbollo in caso di potenza superiore a 185 kW
  • L’importo scende se l’auto è di vecchia data e si cancella per auto con oltre 20 anni di vita
  • Coefficiente di calcolo che viene definito in maniera diversa da ogni regione coefficiente definito
  • La classe di inquinamento della vettura definita con Euro e un numero: più bassa è questa classe maggiore sarà l’importo da corrispondere

Modalità di pagamento del bollo auto

Chi deve procedere al pagamento del bollo auto ha diverse modalità per versare l’importo. Ecco di seguito quali sono:

  • Presso gli sportelli dell’Automobile Club d’Italia (ACI)
  • Recandosi presso una delle tante agenzia di pratiche auto dislocate sul territorio nazionale
  • In una delle tabaccherie convenzionate con il sistema informatico della Lottomatica
  • In un ufficio postale

ATTENZIONE: per permettere all’agenzia di pratiche auto di conoscere l’importo da versare è necessario fornire il numero della targa del veicolo.

Come verificare online lo stato dei pagamenti

In alcune regioni è possibile verificare online i pagamenti effettuati e anche l’importo del bollo in scadenza. Queste regioni sono: Sardegna, Sicilia, Friuli Venezia Giulia, Valle D’Aosta e Marche.

Per effettuare la verifica si può:

Termini di pagamento del bollo

La data di scadenza del bollo si calcola considerando i 30 giorni successivi all’immatricolazione dell’autovettura. Ciò significa che, se per esempio la vettura è stata immatricolata il primo gennaio, la scadenza del bollo cadrà sempre entro i 30 giorni successivi al primo gennaio.

Questa regola vale per tutte le regioni tranne per la Lombardia e per il Piemonte che si avvalgono di una diversa regolamentazione avendo scelto date fisse per il versamento dell’imposta sulla proprietà degli autoveicoli.

Ecco, di seguito, le date stabilite dalle regioni Lombardia e Piemonte per l’anno 2021:

  • Se il bollo scade ad aprile 2021: il versamento va eseguito entro il 31 maggio 2021 
  • Se il bollo scade ad agosto 2021: il versamento va eseguito entro il 30 settembre 2021 
  • Se il bollo è scaduto a dicembre 2020: il versamento andava eseguito entro il 20 gennaio 2021

Automobili esenti dal bollo auto

Secondo quanto stabilisce l’articolo 63 della Legge 342/2000, i mezzi e i veicoli che hanno superato i 20 anni di età e che siano di particolare interesse collezionistico e storico, sono esentati dal pagamento della tassa di possesso, a patto di non essere utilizzati su strada.

In caso dovessero essere utilizzati per circolare si dovrà versare l’imposta forfettaria o “bollo ridotto”.

Questa normativa è stata spesso al centro di discussioni e polemiche, in quanto non è mai stato effettivamente chiarito quali siano i veicolo ultraventennali che possono usufruire di questo tipo di agevolazione fiscale.

Solo grazie ad alcune recenti sentenze della Corte di Cassazione l’interpretazione della legge in vigore è stata chiarita, ed è quindi stato affermato che per accedere ai benefici è sufficiente un’autocertificazione e non è più necessario essere iscritti all’ASIAutomotoclub Storico Italiano – o al FMI, la Federazione Motociclistica Italiana.

Esclusivamente nelle regioni Toscana e Lombardia l’imposta forfettaria è concessa in maniera automatica alle autovetture che compiano 20 anni dalla data della prima immatricolazione. Inoltre, anche nelle regioni Piemonte e Umbria esistono diverse disposizioni e le certificazioni sono emesse da centri specializzati.

Disabilità ed esenzione dal bollo auto

Anche certe categorie di disabilità danno diritto all’esenzione dal bollo auto. Di seguito tutti i casi previsti dalla legge:

  • Persone con certificazione di handicap grave, fisico o mentale, secondo quanto stabilisce la Legge 104/92 all’art. 3
  • Invalidi con grave e permanente limitazione della capacità di deambulazione e i pluri amputati. In questi casi si prescinde dalle normative sull’adattamento del veicolo
  • Ciechi e sordomuti con certificazione dello stato di invalidità
  • Disabili con limitazioni della deambulazione di tipo non grave, che presentino un’impedita o ridotta capacità motoria o di deambulazione, a cui si chiede la titolarità della patente speciale e la modifica del veicolo

ATTENZIONE: l’esenzione per i disabili si applica a un solo veicolo che non deve superare i 2800 di cilindrata se diesel e i 2000 cc se con motore a benzina.

Auto a motore elettrico e ibride

Le auto a motore elettrico, e in alcune regioni le auto con motore ibrido, godono dell’esenzione del pagamento del bollo auto per i cinque anni successivi all’immatricolazione.

bollo-auto--2021

Condono

Secondo quanto previsto nel DL Sostegni, per sostenere l’economia nazionale è previsto il seguente condono, che essendo relativo ai debiti di somme da versare agli enti locali, comprende eventualmente anche il bollo auto non pagato:

  • Condono automatico esclusivamente dedicato ai cittadini che nel 2019 abbiano dichiarato un reddito complessivo fino a 30.000 euro per debiti con il fisco affidati all’agenzia della riscossione dal 2000 al 2010 per importi fino a 5.000 euro

In questi casi l’Agenzia delle Entrate dovrebbe procedere in automatico con la cancellazione delle cartelle esattoriali, ma in considerazione del fatto che a volte i sistemi informatici possono causare qualche criticità, è meglio verificare con il sostegno di un CAF o di un professionista in tema fiscale.

Covid-19: proroghe in alcune regioni

Tre sono le regioni che, al momento della scrittura di questo articolo, hanno deciso di prorogare i termini per il versamento del bollo auto:

  • Emilia Romagna: versamento sospeso fino al 31 luglio 2021 per il pagamento del bollo auto in scadenza dal 1° aprile al 31 maggio 2021
  • Campania: versamento sospeso fino al 31 maggio 2021 per il pagamento del bollo in scadenza tra il 19 gennaio e il 30 aprile 2021
  • Veneto: versamento sospeso fino al 30 giugno 2021 per il pagamento del bollo auto in scadenza nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 30 maggio 2021

ATTENZIONE: nei casi suddetti non saranno calcolate sanzioni e interessi.

Emilia Urso Anfuso

Giornalista, scrittrice e conduttrice radiofonica.
Scrive per Libero - edizione in edicola - di politica, economia e attualità.
Collabora con altre testate di informazione nei settori della macro economia e del fisco.
Scrive per consumatori.blog, assistenza-clienti.it e lavoratori.blog.
Fondatrice e direttore responsabile, dal 2006, della testata giornalistica di informazione online: www.gliscomunicati.it
Sociologa.
Esperta di comunicazione.
Scrittrice: i suoi libri sono in vendita su Amazon.

Commenta

Consumatori sui social

invia storia

Sei stato vittima di un sopruso da parte di una azienda? Vuoi condividere la tua disavventura con altri consumatori nella tua stessa situazione?

Questo è il tuo spazio! Raccontaci la tua storia e saremo felici di pubblicarla sulle pagine di questo sito.