anatocismo e usura

Anatocismo e usura sulle cartelle esattoriali: che fare?

Hai mai sentito o letto il termine “Anatocismo”? Solitamente, e da qualche anno, è un termine legato ai conti correnti bancari, per cui prende il nome di “Anatocismo bancario”. Si parla di anatocismo, quando gli interessi – ad esempio calcolati sullo scoperto del conto corrente – vengono addebitati sul conto corrente stesso, in maniera continua, generando una vera e propria aberrazione, dal momento che, le somme che vengono addebitate, diventano a loro volta oggetto di calcolo di altri interessi, in un gioco che a volte, rischia di apportare danni notevoli al correntista.

E’ una pratica dichiarata illegittima dalla Corte di Cassazione, eppure – a causa di una successiva disposizione di legge – è costantemente utilizzata, sia dalle banche ma anche dal sistema fiscale, che nel momento in cui si attiva per recuperare i crediti che i contribuenti non hanno onorato in quanto a tasse e imposte, applica le sanzioni ma le calcola non solo sul capitale ma anche sugli interessi , facendo lievitare enormemente il saldo finale della cartella esattoriale.

Anatocismo e usura sulle bollette

Se si considera che, il recupero dei debiti col fisco, attraverso le cartelle esattoriali, è gravato sempre da spese accessorie tra cui: l’aggio – la quota che incamera l’ente che si occupa del recupero – gli interessi di mora per ritardato pagamento, le eventuali sanzioni e le spese di procedura, si capisce come da un importo iniziale, rappresentato dal debito reale, si finisca col dover pagare somme assolutamente più alte rispetto a quanto dovuto.

Se a tutte queste voci accessorie poi, vengono calcolati gli interessi su tutta la somma e non solo sulla quota capitale, ecco che si può parlare di anatocismo sulle cartelle esattoriali.

Anatocismo e usura: due cose diverse

Molti contribuenti che sono più avvezzi a informarsi su certi temi, pensano che non si tratti solo di anatocismo, bensì di una vera e propria forma di usura istituzionale. Ma è davvero così?

No, perché tra anatocismo e usura passa una differenza sostanziale.

Quando l’importo di una cartella esattoriale, aumenta – anche di molto  – a causa delle sanzioni, non ci si trova di fronte a un caso di usura. L’usura infatti, scatta quando il tasso di interesse calcolato sull’importo della cartella esattoriale, supera il 20%.

Solitamente però, l’ente che si occupa del recupero dei contributi, non sfora mai la percentuale massima degli interessi, e per tale ragione, difficilmente ci si troverà di fronte a cartelle esattoriali che siano oggetto sia di anatocismo che di usura.

In ogni caso, è bene sempre rammentare una cosa molto importante: le cartelle esattoriali devono essere chiare, e consentire al contribuente di comprendere in maniera semplice il contenuto, cioè la tipologia di tributo, gli interessi calcolati per singolo anno e in quale percentuale, e anche le sanzioni e persino se la cartella in questione è frutto di anatocismo o se è stato calcolato un interesse usuraio.

La realtà purtroppo, è molto diversa, e lo sappiamo bene: decodificare il contenuto di una cartella esattoriale è difficile spesso persino per un esperto tributarista o per un avvocato. Motivo per cui, in ogni caso, quando non si è sicuri di aver ricevuto una cartella esattoriale che segua le norme di legge o comunque non è facilmente ricostruibile il motivo per cui l’importo iniziale è aumentato fino a renderlo così alto, il consiglio è sempre lo stesso: affidarsi a un avvocato che sarà in grado non solo di “leggere” chiaramente la cartella esattoriale, ma anche – eventualmente – di procedere con una opposizione, nei casi in cui ne ravveda i vizi di forma previsti dalla legge.

anatocismo e usura

Conclusioni

Il tema delle cartelle esattoriali offre molti spunti di approfondimento. E’ un tema delicato, che ogni giorno incontra le domande e i dubbi e le ansie di milioni di contribuenti.

Hai una storia da raccontare sul tema delle cartelle esattoriali oppure non ti è chiaro qualcosa che hai letto in questo articolo? Scrivimi nel box dei commenti, raccontaci la tua storia oppure formula la tua domanda: farò in modo di trovare la risposta adeguata.

Ultimo aggiornamento 2022-08-19 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Emilia Urso Anfuso

Giornalista, scrittrice e conduttrice televisiva e radiofonica.
Conduce le trasmissioni video "MediaticaMente" e "Racconti investigativi" con il Luogotenente dei Crimini Violenti del ROS, Rino Sciuto. Le registrazioni delle puntate si trovano su YouTube.
Scrive per Libero - edizione in edicola - di politica, economia e attualità; per il settimanale Visto e per altri giornali.
Scrive per per i siti di informazione del Network Puntoblog Media: consumatori.blog, assistenza-clienti.it e lavoratori.blog
Fondatrice e direttore responsabile, dal 2006, della testata giornalistica di informazione online: www.gliscomunicati.it
Sociologa
Esperta di comunicazione
I suoi libri sono in vendita su Amazon
Docente per la P&D Communication, tiene corsi di giornalismo, public speaking, web journalism e conduzione radiofonica

Commenta

Consumatori sui social

invia storia

Sei stato vittima di un sopruso da parte di una azienda? Vuoi condividere la tua disavventura con altri consumatori nella tua stessa situazione?

Questo è il tuo spazio! Raccontaci la tua storia e saremo felici di pubblicarla sulle pagine di questo sito.