Cambi casa? Come fare la voltura di gas e luce

Quando arriva il momento di cambiare casa è necessario procedere con l’aggiornamento dell’indirizzo sui documenti di identificazione e su altri tipi di documentazione personale e anche, di attivare la procedura di voltura delle utenze di gas e luce.

Quest’operazione si rende necessaria qualora si vada ad abitare in un appartamento dove erano già state attivate le utenze da parte del precedente inquilino. Con la voltura si entra a pieno titolo nel diritto di continuare a ottenere l’erogazione dell’energia elettrica e del gas, ma è necessario conoscere come attivare l’iter, per non restare a corto delle forniture fondamentali non appena si procede al trasferimento nella nuova abitazione.

Leggendo i paragrafi che seguono, scoprirai in maniera approfondita cosa s’intende col termina voltura delle utenze, quali sono i costi da affrontare, a chi va presentata la richiesta, quali documenti è necessario presentare e in quanto tempo si ottiene la modifica dei dati dell’intestatario sulle bollette, oltre ad altre informazioni molto utili.

Voltura: cosa significa

Con il termine “voltura” o “volturazione” si indica l’iter attraverso il quale il fornitore di energia elettrica e di gas modifica i dati dell’intestatario del contratto.

Dopo che la procedura è definita, le bollette arriveranno a nome del nuovo intestatario.

Differenza tra voltura e subentro

Un chiarimento opportuno per ciò che riguarda la differenza di due termini che, spesso, creano confusione.

Per “voltura” si intende il cambio di intestatario sul contratto delle utenze, senza alcuna sospensione dei servizi. Con il termine “subentro”, invece, si indica l’attivazione di un contratto dopo la disattivazione di quello precedente.

Quanto costa la voltura di luce e gas

Mediamente parlando, ecco di seguito quali sono i costi da sostenere per il mercato libero e per il mercato tutelato.

Mercato libero

  • Contributo fisso amministrativo che è destinato al distributore locale : 25,51 €+ IVA del 22%
  • Il costo eventuale che viene calcolato per la prestazione commerciale così come è indicato nel contratto

ATTENZIONE: l’azienda che fornisce il servizio può richiedere il pagamento dell’imposta di bollo che è prevista dalla legge ed è pari a 16,00 €. Nella maggior parte dei casi, però, non viene addebitata.  

Mercato tutelato

  • Contributo amministrativo che è destinato al distributore locale : 25,51 €+ IVA del 22%
  • Contributo fisso di 23 € + IVA
  • Imposta di bollo pari a 16,00 € per il nuovo contratto così come previsto dalla normativa fiscale vigente

ATTENZIONE: se si sceglie di pagare le utenze tramite bollettini postali, le aziende che forniscono i servizi di gas e luce chiedono anche il versamento di un deposito cauzionale, che per le utenze domestiche è calcolato con i seguenti parametri:

  • Energia elettrica: 11,5 € al chilowatt  e per un’utenza domestica standard di 3 kW il deposito massimo è di 34,5 €
  • Gas metano: 30,00 € per i consumi fino a 500 standard metri cubi/anno
  • 90 € per i consumi da 500 a 1.500 standard metri cubi/anno
  • 150 € per i consumi da 1.500 fino a 2.500 standard metri cubi/anno;
  • 300 € per consumi da 2.500 fino a 5.000 standard metri cubi/anno.

Bonus sociale per gli utenti che ne hanno diritto: in questi casi l’importo del deposito cauzionale è ridotto seguendo questi parametri:

  • 5,2 € al chilowatt di potenza elettrica
  • 25 € per consumi fino a 500 standard metri cubi/anno
  • 77 € per consumi da 500 fino a 5.000 standard metri cubi/anno

A chi presentare la richiesta di voltura

La richiesta va inoltrata direttamente al fornitore dei servizi di luce e gas attivati dal precedente inquilino. Per verificare con quale azienda era stata attivata la fornitura è necessario essere in possesso di una delle ultime fatture in quanto contengono anche i dati relativi alla fornitura.

Va chiarita una cosa importante: con il subentro il nuovo inquilino conferma le precedenti proposte commerciali confermate dal precedente intestatario. Ciò significa che, se si desidera modificare il tipo di offerta, dopo aver effettuato il subentro sarà necessario verificare le proprie necessità di consumi, e scegliere tra le proposte e offerte attive.

In massima sintesi, avviando la procedura di voltura si evita il distacco dei servizi. Ovviamente, per far si che ciò non avvenga, l’ex inquilino non deve dare disdetta dei contratti delle utenze di luce e gas, in quanto una volta chiuse le erogazioni dei servizi, le aziende procedono con l’apposizione dei sigilli per ciò che riguarda il gas, mentre per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica i contatori vengono disattivati direttamente dalla centrale.

Dati e documenti necessari

Per chiedere il subentro nelle forniture di gas e luce, è necessario fornire una serie di documenti e di dati al gestore che fornisce i servizi. I dati si evincono, per la maggior parte, da una delle bollette intestate al precedente inquilino.

Ecco quali sono:

  • Codice fiscale
  • Carta d’identità dell’intestatario
  • Recapito telefonico
  • Residenza
  • Per la voltura della fornitura elettrica: il codice POD (che si trova sulle fatture precedenti)
  • Per la voltura della fornitura del gas: il codice PDR (che si trova sulle fatture precedenti)
  • Per la luce: la potenza impegnata del contatore che è espressa in kWh
  • L’autolettura del contatore di riferimento
  • Dati catastali dell’immobile
  • L’indirizzo della fornitura per cui si richiede la voltura
  • Se si chiede il pagamento diretto delle bollette su conto corrente: le coordinate del conto corrente bancario o postale

Cosa sono i codici POD e PDR

Questi due dati indicano nel primo caso (POD) il codice identificativo del punto di prelievo, e identifica il contatore elettrico. Il PDR, invece, identifica il contatore del gas.

Questi codici si trovano sulle bollette oppure sui contatori, e iniziano sempre con la sigla IT, che identifica la nazione Italia.

Tempistiche per la voltura

Quanto tempo passa per ottenere che le utenze siano intestate a proprio nome?

Entro 4 giorni dalla richiesta le società che erogano i servizi di energia elettrica e del gas procedono con la modifica dei dati e aggiornano con quelli del nuovo intestatario delle utenze.

Questa tempistica è dettata da una precisa regolamentazione di ARERA, Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente.

La voltura in caso di decesso

Cosa è necessario fare nel caso in cui il precedente intestatario delle utenze sia venuto a mancare? Due sono i casi possibili:

  • Voltura mortis causa: quando chi subentra è parente di primo grado del deceduto
  • Subentro con inquilino non parente di primo grado: rappresenta tutti gli altri casi

Nel primo caso, il parente di primo grado che subentra nel contratto, dovrà inviare al gestore del servizio la richiesta a proprio nome per ereditare le utenze. Questa pratica non ha costi, ma è possibile che vengano richiesti i costi amministrativi.

Nel secondo caso si procede con una normale richiesta di voltura.

Le aziende possono negare la voltura?

Esiste un solo caso in cui le aziende che forniscono questi servizi possono negare la voltura delle utenze: quando chi subentra risulta moroso.

In queste situazioni, comunque, le imprese devono rispondere negativamente entro due giorni dalla data della richiesta di voltura.

Che fare se non si conosce il fornitore

Può capitare di dover subentrare in mancanza delle precedenti bollette. Che fare per risalire ai dati del fornitore attuale? Niente paura: è sufficiente contattare ARERA telefonando al numero verde gratuito e chiedere assistenza e informazioni su come procedere:

  • 800 166 654

Ecco il link per accedere alla piattaforma web ufficiale dell’Autorità: ARERA online.

Emilia Urso Anfuso

Giornalista, scrittrice e conduttrice radiofonica.
Scrive per Libero - edizione in edicola - di politica, economia e attualità.
Collabora con altre testate di informazione nei settori della macro economia e del fisco.
Scrive per consumatori.blog, assistenza-clienti.it e lavoratori.blog.
Fondatrice e direttore responsabile, dal 2006, della testata giornalistica di informazione online: www.gliscomunicati.it
Sociologa.
Esperta di comunicazione.
Scrittrice: i suoi libri sono in vendita su Amazon.
Docente per corsi di formazione di:
- giornalismo
- public speaking
- web journalism
- scrittura creativa
- conduzione radiofonica

Commenta

Consumatori sui social

invia storia

Sei stato vittima di un sopruso da parte di una azienda? Vuoi condividere la tua disavventura con altri consumatori nella tua stessa situazione?

Questo è il tuo spazio! Raccontaci la tua storia e saremo felici di pubblicarla sulle pagine di questo sito.