Buongiorno scrivo queste poche righe in modo tale che a nessun altro succeda la stessa cosa.

Sono un’ azienda e come tale pago i fornitori delle volte con dei bonifici. Mi chiama la ditta fornitrice dicendomi che mi avrebbe inviato gli estremi iban per il pagamento della fattura in scadenza. Tutto ok, mi arriva l’email con il codice iban ed io faccio come di solito il bonifico e rispondo all’email che il bonifico era tutto ok.

Passano 10 giorni e vengo contattata dalla ditta fornitrice lamentandosi del fatto che non avevano ricevuto il pagamento. Avendo la copia del bonifico gliela invio e si accorgono che il codice iban è errato.

Io controllo subito l’email per vedere se avevo commesso un errore, niente, tutto uguale, in poche parole la ditta mi ha inviato l’emal, in viaggio è stata intercettata, cambiato iban ed arrivata a me con iban diverso.

Sembrerà strano ma abbiamo confrontato le due mail, uguali identiche con iban differente… FREGATI.

Sono risalita alla banca dove ho accreditato la somma e fortunatamente il conto è ancora aperto, il titolare è una ragazza, ha incassato i soldi e prelevati.

Assurdo, la banca non mi dà le generalità della ladra per denunciarla e sul da farsi sono molto vaghi dato che loro non hanno perso niente… così dicono, ma l’immagine della banca va a ramengo.

Ho fatto la denuncia ma non mi hanno dato da sperare, in Italia non abbiamo leggi severe per chi froda il prossimo, il ladro è cautelato.

Non vorrei dilungarmi troppo, avrei bisogno di qualche dritta se ci sono dei metodi piu’ spicci.

Saluti, Loredana


Storia inviata da Loredana. Vuoi condividere anche tu la tua esperienza? Raccontaci la tua storia in “Storie di Consumatori“.