In piena era digitale, l’Italia si prepara ad allinearsi alle altre nazioni europee, anche se un po’ in ritardo. La digitalizzazione è un processo che toccherà tutti gli ambiti della vita quotidiana, dal lavoro alla vita privata.

Negli uffici pubblici molte pratiche sono ormai digitalizzate, dalle fatture elettroniche a certificati di vario tipo, che possono essere richiesti in Comune collegandosi alle apposite piattaforme online istituzionali. Tutto deve passare attraverso gli algoritmi che rendono effettivamente più semplice la vita dei cittadini.

Alcuni storcono il naso: sono quelli meno avvezzi a utilizzare il PC e Internet, ed è effettivamente un problema che si dovrà in qualche modo risolvere, in considerazione del fatto che l’Italia, tra i tanti primati, vanta anche quello della popolazione più anziana del continente europeo.

Bisognerà pensare a programmi di alfabetizzazione informatica per la terza età, altrimenti milioni di persone rischiano di esser tagliate fuori dalla vita civile del paese, e non sempre i parenti più giovani hanno voglia, o trovano il tempo, per dare una mano agli anziani in queste incombenze.

A parte questa riflessione doverosa, tra le ultime novità nel programma di digitalizzazione, ce n’è una riferita al documento fondamentale per tutti i cittadini italiani: la carta d’identità. La novità consiste nel fatto che ora è obbligatorio averla in formato digitale. Non è l’unica innovazione, e in questo articolo scoprirai tutto ciò che c’è da sapere.

Come cambia la carta d’identità

Le vecchie carte d’identità sono in carta, hanno al loro interno i dati del possessore e la foto a colori.

Con quelle digitali cambia tutto: la foto è in bianco e nero, con stampa a laser, e un microchip inserito nella tessera in policarbonato contiene tutti i dati del cittadino. Non basta, perché tra le novità c’è anche l’obbligo dell’immagine di due impronte digitali, quelle dell’indice destro e di quello sinistro.

Altra novità: nei dati inseriti compariranno anche quelli relativi all’atto di nascita. Insomma: diventa il database completo di ogni singolo cittadino, visto che in un unico documento ci si ritrova anche il codice fiscale e la validità per l’espatrio.

Richiedere la nuova carta d’identità digitale: documenti e iter

Poniamo il caso che la tua carta d’identità sia in scadenza, oppure ti è stata rubata e devi chiederne una copia, che fare? Ecco i documenti necessari da presentare al Comune di residenza:

  • Vecchia carta d’identità
  • Una foto in formato .jpg di almeno 400 dpi e con un peso massimo di 500K
  • È anche possibile portare una foto cartacea delle seguenti dimensioni: 35×45 (formato passaporto)

È consigliabile, ma non obbligatorio, portare con se anche la tessera sanitaria e il tesserino del codice fiscale: è utile per sveltire la pratica.

Il costo della carta è a carico del cittadino: 16,79 a cui – se sono previsti – può essere richiesto il contributo per i diritti fissi e le spese di segreteria, pari a 5,42.

La nuova carta dovrebbe essere recapitata per posta, presso il proprio domicilio, entro sei giorni dalla richiesta.