sisma bonus

Sisma bonus 2018: tutte le informazioni utili

È denominato Sisma bonus 2018, o più semplicemente Casa Sicura, e si tratta di un’agevolazione fiscale – con detrazioni fino all’80% – per i contribuenti che sosterranno spese edilizie atte alla messa a norma per ciò che riguarda il rischio sismico, un tema che – nel nostro paese – è molto sentito, a causa del fatto che il territorio nazionale è, praticamente e a più livelli, a rischio terremoto.

La misura, varata dal governo e inserita nella recente legge di stabilità, permette agevolazioni fiscali per ciò che riguarda le detrazioni Irpef. E’ una delle tante misure governative che sostengono la messa in sicurezza degli appartamenti e dei locali presenti sul territorio nazionale.

Ecco cosa è necessario sapere per presentare la domanda di accesso a questa agevolazione.

Sisma bonus: come funziona

La detrazione Irpef prevista per i contribuenti che decideranno di mettere in sicurezza dal rischio sismico appartamenti, locali o interi edifici, comprende il periodo che va dal 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021.

Anche per il 2018 quindi, questa agevolazione fiscale è stata confermata. Questo bonus, è una sorta di rivisitazione del tradizionale bonus dedicato alle ristrutturazioni edilizie generiche.

Le detrazioni previste vanno dal 50% all’85% a seconda dei casi che vedremo in dettaglio più avanti. I contribuenti che realizzeranno i lavori edili necessari, seguendo le normative vigenti, e quindi possono accedere al bonus, potranno poi detrarre – dalla dichiarazione dei redditi che presentano annualmente attraverso il modello 730 – le spese sostenute per i lavori di messa in sicurezza dal rischio sismico.

A chi è dedicato il Sisma Bonus 2018

Possono fare richiesta del bonus, i contribuenti che effettueranno i lavori necessari a mettere in sicurezza:

  • Appartamenti residenziali, prima e seconda casa
  • Le parti comuni che si trovano nei condomini
  • Locali ed edifici destinati ad attività di produzione
  • A chi effettua i lavori entro il 31 Dicembre 2021
  • Locali, stabili e locali per attività produttive che si trovano nelle zone a rischio sismico 1, 2 e 3

Quali sono i lavori edili oggetto del bonus?

Come è intuibile, solo i lavori di ristrutturazione edile atti a mettere in sicurezza una delle tipologie di strutture architettoniche descritte in precedenza, possono usufruire di questa agevolazione. Ecco quali:

  • Tutti gli interventi strutturali atti a ridurre la vulnerabilità al rischio sismico
  • I lavori preliminari necessari a classificare il rischio sismico

A quest’ultimo riguardo, sarà necessario rivolgersi a uno studio tecnico, che sia in grado di valutare – con professionalità – il grado di rischio che presenta l’appartamento o lo stabile in cui si intenda procedere ai lavori di messa in sicurezza.

La certificazione che verrà rilasciata, dopo la cosiddetta diagnosi sismica, conterrà la relativa classe di rischio sismico, che è valutata su una scala che va da A+ a G

Dopo la diagnosi, sarà necessario l’intervento di un tecnico specializzato, che sarà in grado di stabilire quali tipi di interventi saranno necessari per mettere in sicurezza i locali.

Una volta effettuati i lavori, lo stesso tecnico dovrà certificare – dopo aver valutato la messa in opera dei lavori – che gli stessi sono conformi alle normative vigenti in materia di sicurezza contro il rischio sismico.

Le detrazioni fiscali: quanto si può detrarre?

Come accennato, le detrazioni vanno dal 50% all’85%, e la variabilità dipende da quanto i lavori di messa in sicurezza siano effettivamente efficaci contro il rischio sismico. A seconda di quanto incidano i lavori in questione, si può affermare che:

  • per spese sostenute per l’adeguamento antisismico degli edifici che si trovano nelle zone 1 e 2 è prevista una detrazione pari al 50% delle spese con un soglia massima di spesa di 96 mila euro da suddividere in 5 quote annuali di pari importo a partire dall’anno in cui si sono sostenute le spese
  • per gli interventi di riduzione di rischio sismico di immobili che si trovano nelle zone 1, 2 e 3, spetta una detrazione delle spese al 70 nel caso in cui si sia ridotto il rischio di una classe
  • detrazione all’80% se i lavori determinano la riduzione di 2 classi di rischio

Per ciò che riguarda gli interventi di riduzione rischio sismico effettuati sulle parti comuni dei condomini di un intero edificio, spetta:

  • una detrazione del 75% a patto che gli interventi portino al passaggio di una classe inferiore
  • una detrazione fino all’85% se il passaggio è pari a due classi

Queste detrazioni si scalano nell’arco di tempo di 5 anni, con quote fisse annuali e calcolate su un importo massimo di 96.000 euro.

Documenti necessari per accedere al Sisma bonus 2018

ATTENZIONE: per presentare la domanda di accesso al bonus sismico, è necessario che tutti i lavori siano pagati tramite bonifico bancario, sulla cui causale è necessario fare riferimento ai lavori effettuati,  o altro sistema di pagamento tracciabile, che consenta poi di risalire al motivo del pagamento.

Alla domanda vanno allegate le seguenti documentazioni:

  • tutte le autorizzazioni e certificazioni
  • le copie di bonifici e fatture
  • le ricevute di pagamento IMU
  • La delibera assembleare di approvazione dell’intervento in caso di lavori condominiali e tabella millesimale di ripartizione delle spese
  • La notifica preliminare ASL ove prevista dalla normativa

Per presentare la domanda, si consiglia di rivolgersi a un Centro di Assistenza Fiscale – CAF – o a un commercialista.

Conclusioni

Finalmente in Italia si comincia a fare qualcosa di concreto contro il rischio sismico. Sappiamo, purtroppo, come il territorio sia a rischio e come, per molti anni, si sia fatto poco o nulla per garantire sicurezza a tutti i cittadini.

Hai una storia da raccontare sul tema del Sisma bonus? Scrivici, utilizzando il modulo Storie di consumatori. Pubblicheremo le storie più interessanti.

Emilia Urso Anfuso

Giornalista, scrittrice e conduttrice televisiva e radiofonica.
Conduce le trasmissioni video "MediaticaMente" e "Racconti investigativi" con il Luogotenente dei Crimini Violenti del ROS, Rino Sciuto. Le registrazioni delle puntate si trovano su YouTube.
Scrive per Libero - edizione in edicola - di politica, economia e attualità; per il settimanale Visto e per altri giornali.
Scrive per per i siti di informazione del Network Puntoblog Media: consumatori.blog, assistenza-clienti.it e lavoratori.blog
Fondatrice e direttore responsabile, dal 2006, della testata giornalistica di informazione online: www.gliscomunicati.it
Sociologa
Esperta di comunicazione
I suoi libri sono in vendita su Amazon
Docente per la P&D Communication, tiene corsi di giornalismo, public speaking, web journalism e conduzione radiofonica

Commenta

Consumatori sui social

invia storia

Sei stato vittima di un sopruso da parte di una azienda? Vuoi condividere la tua disavventura con altri consumatori nella tua stessa situazione?

Questo è il tuo spazio! Raccontaci la tua storia e saremo felici di pubblicarla sulle pagine di questo sito.