Bonus rottamazione auto e moto 2021: tutte le informazioni utili

Tra i settori maggiormente colpiti dalla crisi economica aggravatasi a causa dell’avvento dell’emergenza sanitaria da Coronavirus, c’è quello delle auto e delle moto.

Era prevedibile che interi comparti produttivi subissero i contraccolpi del lockdown, di un aumento della propensione al risparmio da parte dei consumatori, impauriti per il futuro, che vedono ormai incerto, e da misure di Governo atte a tentare di sanare la situazione drammatica, ma che non convincono molti sull’efficacia sul lungo periodo.

Una situazione generale che va in qualche modo risolta, e che in alcuni casi può trovare risposte anche attraverso alcune nuove e  interessanti agevolazioni economiche e fiscali che, via via, il governo Conte bis sta lanciando attraverso il varo dei tanti Dpcm.

Come nel caso del Bonus rottamazione auto e moto 2021, che – nelle intenzioni di chi lo ha ideato – dovrebbe portare a due risultati: il primo è quello di risollevare il settore dell’industria automobilistica e della produzione di moto, il secondo è per permettere un ricambio generazionale alle auto circolanti anche per far sì che anche l’impatto ambientale ne giovi grazie alle nuove tecnologie di produzione dei motori, ormai tese a cautelare l’ambiente.

Visto il successo ottenuto dalla medesima misura, varata con il Decreto Agosto, ecco la replica – stavolta inserita nella Legge di Bilancio 2020 – che interesserà i contribuenti che rottameranno le auto Euro3, oltre alle due ruote classe Euro3 ed Euro2 a due tempi, per le nuove acquistate fino alla fine del 2021.

Esiste però anche un’incentivazione per chi non intende rottamare, come scoprirai nei prossimi paragrafi.

Tutto questo è reso possibile grazie al fondo economico del Ministero dell’Ambiente, ora rafforzato con altri 180 milioni di euro.

Un progetto che fa parte del programma Green New Deal che partirà, a tutti gli effetti, dal 2021.

Attenzione però a non far confusione tra bonus: esistono infatti alcune differenze con il Bonus mobilità, che interessa le regioni italiane cadute in procedura d’infrazione UE per aver superato i limiti per l’inquinamento ambientale, e il bonus dedicato a chi acquisterà una nuova autovettura o una due ruote.

Attraverso quest’approfondimento, e nei paragrafi successivi, scoprirai tutte le informazioni utili nel caso in cui avessi deciso di cambiare l’auto o la moto anche per sostenere l’ambiente e beneficiando del Bonus in questione sotto forma di uno sconto immediato all’atto dell’acquisto.

Incentivi economici per la rottamazione auto e moto

Gli incentivi statali sono calcolati in base alla tabella che troverai di seguito, e saranno applicati a patto che il venditore accetti di accordare, al momento dell’acquisto, uno sconto di almeno 2.000 euro contestualmente alla rottamazione di un veicolo immatricolato precedentemente la data del 1° gennaio 2010 o che sia stato immatricolato almeno 10 anni prima dalla data del nuovo acquisto.

Ecco, di seguito, la tabella relativa alle nuove vetture acquistate e ai relativi incentivi per acquisti con rottamazione:

  • Vetture con emissioni in CO2 g/Km da 0 a 60: contributo statale 2.000 euro
  • Da 61 a 90 CO2 g/Km: 1.750 euro
  • Da 91 a 110 CO2 g/Km: 1.500 euro

Per acquisto di nuove vetture senza rottamazione e a patto che il venditore conceda uno sconto all’atto dell’acquisto di almeno 1.000 euro, ecco gli incentivi previsti:

  • Per vetture con emissioni in CO2 g/Km da 0 a 60: contributo statale di 1.000 euro
  • Da 61 a 90 CO2 g/Km: contributo di 1.000 euro 
  • Da 91 a 110 CO2 g/Km: contributo di 750 euro

Le regole da conoscere per usufruire dell’incentivo economico

Ecco di seguito tutte le regole previste per ottenere questa agevolazione economica, e chi ne potrà usufruire:

  • Le autovetture acquistate dovranno essere nuove di fabbrica (dal 1° Agosto al 31 Dicembre 2020)
  • L’incentivo sarà calcolato in base a una tabella specifica
  • Il bonus è concesso sia con sia senza la rottamazione della vecchia autovettura
  • Il nuovo veicolo acquistato deve essere obbligatoriamente dedicato al trasporto delle persone e con un massimo di 8 posti a sedere (oltre al conducente)
  • Il prezzo massimo della nuova autovettura dovrà essere di 50.000 euro per le auto con emissioni fino a 60 CO2 g/Km ( prezzo di listino di fabbrica ed esclusa l’i.v.a. )
  • Per le auto con emissioni da 61 a 110 CO2 g/Km e immatricolate almeno con classe Euro 6 il prezzo massimo di listino, sempre i.v.a. esclusa, è stato fissato in 40.000 euro
  • Questo bonus è cumulabile con l’Ecobonus previsto dalla Legge Finanziaria 2019 e che sarà attivo fino alla fine del 2021
  • Nel contratto di compravendita della nuova auto o mezzo a due ruote deve essere indicata chiaramente la percentuale di sconto ottenuta grazie al bonus, sconto che viene compensato dal contributo statale previsto, e la dichiarazione della  rottamazione della vecchia vettura

ATTENZIONE: l’auto rottamata deve essere  intestata da almeno 12 mesi a chi acquisterà il nuovo veicolo, quindi al beneficiario del bonus o a uno dei familiari conviventi.

Rottamazione doppia? Aumenta lo sconto!

In molti nuclei familiari italiani sono presenti più autovetture di proprietà.

Nel caso in cui si dovesse decidere di rottamarne due, si otterrà un ulteriore sconto/incentivo pari a 750 euro, da spendere per l’acquisto di auto o moto facenti parte delle categoria a basso impatto sull’ambiente.

Conclusioni

Stai meditando di acquistare una nuova auto o una nuova due ruote? Potrai sfruttare questi incentivi di Stato che ti faranno risparmiare denaro.

Cosa ne pensi? Questo tipo di misure ti spingono maggiormente a decidere per il nuovo acquisto oppure no?

Se ti va di raccontarci la tua opinione, o la tua esperienza personale, scrivici compilando il modulo online Storie di consumatori.

Periodicamente scegliamo di pubblicare le storie che possono essere di interesse comune, per permettere a tutti i nostri lettori di riflettere ancor meglio su tutto ciò che interessa la vita dei consumatori e contribuenti.

Emilia Urso Anfuso

Giornalista, scrittrice e conduttrice radiofonica.
Scrive per Libero - edizione in edicola - di politica, economia e attualità.
Collabora con altre testate di informazione nei settori della macro economia e del fisco.
Scrive per consumatori.blog, assistenza-clienti.it e lavoratori.blog.
Fondatrice e direttore responsabile, dal 2006, della testata giornalistica di informazione online: www.gliscomunicati.it
Sociologa.
Esperta di comunicazione.
Scrittrice: i suoi libri sono in vendita su Amazon.
Docente per corsi di formazione di:
- giornalismo
- public speaking
- web journalism
- scrittura creativa
- conduzione radiofonica

Commenta

Consumatori sui social

invia storia

Sei stato vittima di un sopruso da parte di una azienda? Vuoi condividere la tua disavventura con altri consumatori nella tua stessa situazione?

Questo è il tuo spazio! Raccontaci la tua storia e saremo felici di pubblicarla sulle pagine di questo sito.